NATURA E SPORT

IBIZA, SANTA EULARIA DEL RIO

Un angolo di pace legato all’unico fiume presente in tutte le Baleari

Ibiza! La famosissima isola dove feste, nightlife, spiaggia e sole si mescolano in un turbinio senza fine. Come saprete l’isola tiene la nomea di luogo di perdizione e vacanze senza freni.
Purtroppo però quest’anno il mondo intero, Baleari incluse, ha dovuto fermarsi e fare un passo indietro a feste massive, festivals, concerti e quant’altro caratterizza lo stile ibizenco. L’intera stagione di residents djs nei più gettonati clubs è stata annullata lasciando l’intera isola in un particolare mood di tranquillità e silenzio.
Possibile che non si possa fare altro oltre a ballare fino a mattina presto e dormire sotto il cocente sole di una delle tante spiagge di sabbia o roccia? La risposta è ovviamente si!
Lo stile di vacanze sfrenato nasconde un’altro di totale immersione nella natura, relax e cultura.
Ma andiamo per gradi, prima di tutto vorrei presentarvi Santa Eularia.

Santa Euralia

Santa Euralia, secondo municipio per estensione di Ibiza, è il tipico paese che nasce dalla clemenza della natura. In questo caso è appunto un fiume, unico in tutte le isole baleari, che con i suoi 17 km di lunghezza ha creato un ambiente favorevole per la flora, la fauna e l’abitat dell’uomo. Caratteristica della zona è la sua tranquillità sopratutto notturna. Non sembra esserci molto da scoprire o visitare a prima vista, ma come sempre ogni luogo se pur piccolo ha  una sua storia da raccontare.

La “Ruta del rio”

La “Ruta del rio” è un percorso di circa 3 km alla scoperta delle origini e della cultura del “pueblo”. Un sentiero facile per tutta la famiglia, della durata di circa 90 min. Con borsa a tracolla, macchina fotografica e una buona dose di curiosità mi avvio a scoprire il centro urbano partendo dal “Puente Viejo”.
Questa struttura fu costruita prima del XVIII secolo ed è accompagnata da un altro ponte più recente, terminato nel 1927. Una volta passato giro a sinistra per immettermi in un sentiero che mi porta al molino de Can Planetes o Molì de dalt, nel quale oggi risiede  il Centre d’interpretaciò del riu. La casa di stile, tradizionale ristrutturata nel 2007, presenta al suo interno un mulino funzionante grazie all’acqua proveniente appunto dal fiume. Il suo funzionamento nel passato era a ruota orizzontale per poi passare a verticale fino agli anni 60 del secolo scorso. Nella sala principale sono presenti strumenti e oggetti tipici del periodo e la descrizione di come il fiume garantiva un estesa irrigazione per i campi. Purtroppo oggi non rimane molta acqua a causa del forte sfruttamento turistico che l’isola ha subito.
Appena uscito dalla casa mi dirigo verso il centro, il quale è dominato dalla collina “El puig de missa”. Qui si erige la chiesa del paese, anche se ha più l’aspetto di una fortezza!

Puig de missa

La presenza di un fiume ha consentito la costruzione di diversi molini nel passato, i quali a sua volta però furono oggeto di incursioni da parte di pirati e corsari dediti a saccheggiarne il prodotto o addirittura a rapire gli abitanti. Cosa manca per completare un quadro tipico del XVII secolo? Ovviamente una fortificazione ed un paio di cannoni! Ed ecco che la collina Puig de Missa entra in gioco.
La chiesa di Santa Euralia è uno dei quattro templi-fortezza che furono eretti per proteggere i punti chiave dell’isola. La documentazione piu antica dell edificio risale al 1302. Dopo un pesante attacco da parte dei corsari nel XVI secolo fu ricostruita dandole un aspetto differente e una funzione più strategica aggiungendo alcune pareti di fortificazione.
A partire dal XVII secolo l’incubo dei pirati svanì piano piano e la chiesa subì un’ulteriore transformazione. Il parroco della zona ne ampliò il terreno edificabile e fu così che attorno alla chiesa nacque il primo centro urbano di Santa Euralia. La collina El Puig de Missa fu dichiarata paesaggio pittoresto nel 1952
Da quassù si può godere di un ottimo panorama della costa e del municipio. La giornata soleggiata offre spunto per rilassarsi un pò e godere della brezza marina. Il sentiero giudato continua per il museo etnografico di Can Ros sottostante la chiesa, per terminare verso il centro di Santa Euralia e richiudersi ad anello al ponte vecchio. Santa Eularia è un piccolo borgo dove è un piacere passeggiare in cerca di un ristorantino prima di rilassarsi in una delle sue spiaggie a due passi dal centro. La Ruta del rio è un ottima alternativa per la famiglia alla spiaggia, agli aperitivi sfrenati o per chi vuole, anche solo per un paio di ore, disconnettersi dalla tipica lifestyle ibizenca.

L’autore Marco Pachiega

Adoro la natura, i viaggi con lo zaino e conoscere differenti culture. Nella mia borsa a tracolla non manca mai una reflex e un quaderno per scrivere. Mi definiscono prudente ma curioso, io aggiungerei sensibile. Lavoro come guida turistica e personal trainer. Ma la mia aspirazione è fare il fotografo di viaggi.

Condividi questo articolo