Arte e Cultura / Slow Tour

La Terra Rossa di Teruel

Situato in un paesaggio davvero privilegiato, il Castello di Peracense costituisce una delle fortezze più imponenti e curiose dell’Aragona, e uno dei luoghi più spettacolari del sud della provincia di Teruel. Questa fortezza medievale si trova sulla sommità di una roccia molto ripida e al centro del paesaggio del Rodeno, caratterizzato dal colore rosso per la presenza di terra arenaria rossastra. Il colore rosso si fonde con il castello e con l’ambiente circostante.

Sotto all’imponente castello è custodito il paesino di Peracense, dove anche qui la maggior parte degli edifici, come la chiesa o il comune, sono costruiti con pietra di rodeno.

Teruel_001

Storia del castello

Il caso del castello Peracense è eccezionale, poiché la sua ubicazione ha assistito al passaggio di diverse società che hanno lasciato la loro testimonianza e che l’archeologia ha permesso di allontanare dall’oblio.

Le più antiche testimonianze di occupazione umana nel sito del castello Peracense risalgono alla preistoria, quando una piccola comunità si riparò sopra le grandi pareti rocciose. A testimoniare questa presenza, nel piccolo museo del castello, sono presenti numerose ceramiche fatte a mano.

Nei secoli successivi l’occupazione del sito del castello si riduceva a un insediamento minore fino al X secolo, quando con la creazione del nuovo stato con capitale Albarracín, la taifa per controllare i suoi confini e le sue risorse creò a Peracense una nuova città nel castello.

Dopo la conquista aragonese di questo territorio a metà del XII secolo, l’importanza cruciale della sua posizione crebbe. L’alto valore strategico, che questa fortificazione aveva per le sue condizioni difensive, portò ad essere acquisita dal Re d’Aragona nel 1312 e dalla metà di quel secolo iniziò la costruzione del castello fortezza di Peracense. Fu ampliato e riparato nel corso del XIV e XV secolo fino ad acquisire l’aspetto attuale.

Dal XVI secolo, con l’unione dinastica delle corone di Aragona e Castiglia, la maggior parte dei castelli di confine persero la loro utilità, andando a svolgere compiti minori. Nel caso del castello Peracense, il suo ruolo fu limitato al carcere comunitario e alla città di Daroca fino al 1834. Tuttavia, durante la prima guerra carlista (1833-1840) il castello di Peracense venne riutilizzato e trasformato da un contingente militare dell’esercito liberale, che dovette affrontare diversi attacchi carlisti.

Dopodiché, fu lasciato nelle mani del Comune di Peracense, la fortezza perse ogni uso e fu abbandonata. Fu oggetto di saccheggi di materiali da costruzione e il suo interno venne utilizzato come cava per l’affilatura delle pietre, nel dopoguerra l’interno del castello era adibita a pascolo grazie alle sue ampie spianate dove cresceva molta erba.

Finalmente, nel 1987, a causa della chiusura della miniera di ferro situata in uno dei paesi vicini (Ojos Negros), si decise di iniziare il restauro del monumento come progetto di ricollocamento degli ex minatori per continuare a lavorare nella zona.

Struttura del castello

Il passare del tempo non è riuscito a farlo con questo edificio inespugnabile, che ancora oggi conserva le sue stanze quasi nella sua interezza. Ha una pianta di 4000 m² e tre stanze concentriche. Il sistema difensivo di Peracense è costituito da tre recinti, che sfruttano la topografia del terreno per formare un’enclave inespugnabile.

Il recinto superiore ospita il nucleo della fortezza, luogo in cui si trova la residenza principale, occupata dal custode e dalla sua famiglia. La sommità di questa mola rocciosa è stata scelta perché permetteva di soddisfare tre requisiti che definiscono un castello: un luogo di difficile accesso, di facile difesa e di ottima visuale sull’ambiente, tutti volti a controllare il territorio, la sua gente ea garantire una comoda protezione delle truppe. L’interno del recinto si configura su quattro livelli o piani, posti ascendenti da ovest: accesso, primo terrazzo con accesso alla falsa torre, secondo terrazzo con accesso all’abitazione principale e terrazzo superiore. Inoltre questo recinto ospitava l’armeria e una delle celle, e per garantire l’approvvigionamento idrico è stato predisposto un sistema di raccolta e stoccaggio, con la presenza di due cisterne.

Nel XIV secolo fu realizzato il recinto intermedio, a pianta irregolare, seguendo la conformazione delle rocce, con la funzione di proteggere i punti più deboli del recinto superiore. Al suo interno si troverebbero la maggior parte degli spazi occupati dalla guarnigione annessa al castello, come le camere da letto, le cucine o la cappella. Nel perimetro è presente una cisterna, predisposta per la raccolta dell’acqua piovana. Nella parete rocciosa c’è un corridoio naturale di accesso all’interno del castello, dal vecchio villaggio, noto come il disabitato di Los Casares, situato ai piedi del castello stesso.

Ma il castello ha continuato a crescere, nel suo desiderio di proteggersi dalle incursioni castigliane, così è stato costruito il recinto inferiore. È la struttura murata più potente dell’intera fortificazione, una cinta muraria fino a 3 m. di spessore e una pianta a L, rinforzata con tre torri, e dotata di numerose feritoie. Aveva lo scopo di dare rifugio agli abitanti del villaggio e alle loro mandrie nell’ampia spianata esistente. La parte inferiore del castello Peracense costituisce la prima difesa della fortezza sui suoi lati nord e ovest. Ad est è l’attuale porta di accesso.

Dintorni

Puoi ottenere le migliori viste del castello e dei suoi dintorni dalla collina di San Ginés, anche se le viste panoramiche dalla fortezza stessa non sono sprecate. Intono al castello ci sono numerosi cammini per poter passeggiare sulla terra rossa che caratterizza questa parte della provincia.

Nel nostro caso, abbiamo deciso di allontanarci e raggiungere il paese vicino di Pozondon e seguiamo in macchina per una strada sterrata fino al Castello de Los Ares o de Losares. Un castello medievale, a 2 km dalla città di Pozondón, di cui solo rimangono le rovine.

Da qui continuiamo a piedi e seguiamo i segnali verso il burrone del Cardoso, dove si trova la Pietra del Peruviano, un bassorilievo realizzato in pietra rodeno, che è stato realizzato dal grafico e illustratore Mauro Mistiano, originario di Arequipa (Perù).

L’autore Sara Bianchi

Sono una persona curiosa, a cui piace imparare e insegnare. Sono dinamica e appassionata, ciò mi spinge a cercare nuove sfide, che mi facciano superare i miei limiti e che mi portino a difendere le idee e le cause che mi stanno a cuore, come il settore no profit, la politica, le lingue, le culture e Teruel, la provincia in cui vivo adesso.

Condividi questo articolo