Natura & Sport, SlowTour, Food

LA TOSCANA SPAGNOLA: IL MATARRAÑA

Se ci allontaniamo da Barcellona per 221 chilometri o da Madrid per 449 chilometri, troveremo una zone rurali più affascinanti della penisola. Il Matarraña chiamato anche la Toscana spagnola è una di quelle fughe sorprendenti.

Il nome può trarre in inganno perchè nonostante i nostri occhi possano cogliere l’alternarsi di colline e di pianure, i campi di ulivi e i vigneti, nonostante il clima della zona è piú simile a quello di montagna che a quello toscano. Non troveremo le chilometriche spiaggie, ma sì grandi fonti d’acqua nascosti in tutta la zona, dove ci si può rinfrescare.

Visitare la Matarraña è uno dei piani essenziali per conoscere Teruel. Qui, ci allontaniamo dal concetto di fretta e sconnettiamo dal trambusto quotidiano, grazie all’isolamento e al contatto con la natura.

Borghi affascinanti

L’essenza rurale più autentica si respira in tutti i 18 borghi che compongono la zona. Intricati vicoli, piazze rinascimentali con monumentali municipi, palazzi medievali e barocchi, chiese che sembrano cattedrali … riempiono ogni angolo delle città di Matarraña. Di conseguenza, alcuni di essi sono tra i borghi più belli della Spagna, come Calaceite, Valderrobres e Fresneda.

Per esempio, il posto perfetto per iniziare un weekend o qualche giorno di fuga in questa area, dal momento che si trova al centro e puoi raggiungere rapidamente tutti i punti di interesse,  è  Valderrobres con le sue strade acciottolate. Nei suoi dintorni ci sono molti affascinanti hotel rurali o piccole case di campagna in cui poter trascorrere la notte. L’ingresso a Valderrobres attraversa il fiume Matarraña (che, a proposito, dà il nome a questo luogo), e in seguito raggiunge la porta di San Roque e la Plaza del Ayuntamiento. Il castello, incastonato nella roccia naturale, è maestoso nella parte alta della città. La sua origine non è molto chiara, sembra risalire al 12 ° secolo – anche se potrebbe essere più vecchio – ed è stato sicuramente usato nel Medioevo come elemento difensivo per i cristiani.

Meraviglie naturali

Quando parliamo della Matarraña, parliamo della natura in tutto il suo splendore, grazie alle montagne dei porti di Beceite, incernierate tra le terre di Aragona, Catalogna e Valencia, sono un monumento naturale. La vegetazione è esuberante e la fauna autoctona varia dalla capra ispanica che è l’animale emblematico di queste terre, ai centinaia di avvoltoi selvatici. Allo stesso modo, i corsi dei fiumi ci offrono angoli meravigliosi come il Parrizal de Beceite, il Salt de la Portellada o numerose sorgenti naturali per rinfrescarci in estate.

Il piú conosciuto è il Parrizal che attrae ogni anno escursionisti che vogliono scoprire i segreti dei suoi potenti canyon che hanno scavato le acque del fiume. Per iniziare il percorso, il più consigliato è fare i primi cinque chilometri in auto, parcheggiare nel parcheggio e, da lì, a piedi. Le foreste si susseguono: pino di Aleppo, acero, quercia e bosso. Quindi, il fiume sale, saltando da una riva all’altra e che, ad ogni passo, diventa sempre più stretto. L’altezza aumenta fino a quando non arriviamo all’ultima parte in cui le pareti rocciose degli Parrizal Estrets si innalzano per 60 metri verso il cielo blu. L’acqua trasparente, persino turchese, scompare tra le gigantesche pietre.

Sport d’avventura e attività

Gli sport d’avventura e della natura stanno crescendo in territori come Matarraña, dove la rivitalizzazione turistica continua a consolidarsi durante tutto l’anno. Natura al massimo, esperienze avventurose, conoscenza di queste terre e alcune ore piacevoli praticando sport con gli amici o la famiglia. Tra i suggestivi posti dove si possono praticare gli sport, troviamo la Via Verde del Val de Zafán. Qui, puoi percorrere un vecchio binario del treno che è diventato un percorso adatto a tutto il pubblico, lungo oltre 100 chilometri, attraversa le pianure e i bellissimi passaggi della Matarraña. Il percorso è adatto a tutti ed è progettato per essere fatto a piedi, in bicicletta o a cavallo. Ha anche una sezione adattata per disabili tra le stazioni Bot e Fontcalda. Diverse aziende offrono servizi di noleggio biciclette, officina mobile e servizio di trasferimento e raccolta.

Nel cuore della Matarraña, ti aspetta a Fuentespalda, il gioco della teleferica più lunga della Spagna con 1980 metri di lunghezza e 200 metri di dislivello convertiti in 2 minuti di adrenalina.

Inoltre, se sei tipo da Escape Room, e ti piace mettere alla prova il tuo ingegno e i tuoi nervi divertendoti con il tuo partner, amici, famiglia o colleghi, ce ne sono diversi nella zona.

Puoi trovare altre informazioni sugli sport, nella pagina di Matarraña Aventura: https://xn--matarraaventura-4qb.com/

Gastronomia

La gastronomia ci consente di godere dell’essenza più pura di un territorio. Nella zona del Matarraña tra i piatti tipici possiamo trovare l’agnello, il tartufo, i formaggi, i salumi, il prosciutto e l’oro giallo: qui gli ulivi acquisiscono una singolare maestosità impregnata da questo paesaggio e dall’esistenza di una tradizione antica, iniziata dagli iberici e dai romani.

Se vi piace fare l’aperitivo, non potete perdervi il vermut, chiamato anche vermouth o vermú. È una bevanda alcolica che viene solitamente presa per stimolare l’appetito, tanto che anche all’ora dell’aperitivo prima di pranzo si chiama anche tempo di vermouth.

L’autore Sara Bianchi

Sono una persona curiosa, a cui piace imparare e insegnare. Sono dinamica e appassionata, ciò mi spinge a cercare nuove sfide, che mi facciano superare i miei limiti e che mi portino a difendere le idee e le cause che mi stanno a cuore, come il settore no profit, la politica, le lingue, le culture e Teruel, la provincia in cui vivo adesso.

Condividi questo articolo