Arte e Cultura

TERUEL “A CIELO APERTO”

teruel

Negli ultimi anni, i percorsi di arte urbana sono diventati un tipo alternativo di turismo in molte città del mondo. Oltre alle visite a musei e gallerie rinomati, i visitatori cercano di scoprire arte di strada di qualità. In Spagna, un buon numero di città promuove iniziative affinché i nostri quartieri siano un punto di riferimento in questo tipo di arte.
Teruel è uno di questi grazie al lavoro dell’Associazione di vicinato del quartiere di San Julián. Nel 2010 sono apparsi i primi murales e ora ce ne sono 35 in tutto il quartiere basso della città, trasformando il quartiere di San Julian in un museo “a cielo aperto”. Tutto è iniziato con un festival musicale che si è svolto nel 2010 e in cui si è svolto un concorso di graffiti. Da lì inizia a prendere forma il museo “a cielo aperto”, un bel nome con lo scopo di rivitalizzare il quartiere, migliorando l’immagine estetica delle sue strade e piazze.

All’inizio furono realizzati numerosi murales di piccolo formato e vari stili. Ma l’Associazione di vicinato del quartiere di San Julián voleva andare molto oltre ed essere in grado di catturare tutta quell’arte su grandi pareti e quindi essere in grado di invitare, oltre agli artisti locali, altri con maggiore esperienza e fama. E così è successo!

murales-teruel_01

Avanzando per le strade del quartiere, puoi trovare murales realizzati da studenti della Scuola di Belle Arti della città, su pareti basse e sulle persiane dei negozi, decorati con diversi stili e tecniche. Da qualche anno vale la pena attraversare l’emblematico ascensore di San Julián e osservare il murale prodotto dalla formazione Agropunk, Set y Soe, chiamato “Coge y pinta”. Sotto le scale dell’ascensore, devi fermarti a contemplare il lavoro del muralista franco-svizzero noto a livello internazionale come M. Chat, che ha anche lasciato il segno su Teruel: un gatto sorridente, con uno stile semplice e felice che accoglie i visitatori a braccia aperte.
Un altro murale caratteristico, chiamato “Omaggio agli anziani”, ritrae diverse persone che, nella loro longevità, hanno avuto qualche relazione con il vicinato. Questa idea è nata con il ritratto del nonno di uno degli artisti e, attraverso l’Associazione di vicinato, cresce per dare la preminenza meritata dalle persone che fanno la storia di un quartiere.
Il grande murale intitolato “Lovers”, realizzato da Chapu, artista di fama internazionale proveniente da Orihuela, riflette la sua interpretazione degli Amanti di Teruel in una versione moderna e colorata che ha avuto un impatto positivo sulla città.

Infatti, sebbene all’inizio non lo vedessero con gli occhi buoni, ora i vicini sono felici che le loro facciate e persiane siano ricoperte di vernice, colore e motivi che forniscono molto più di un muro nudo. La maggior parte persino collabora a ciò che può. Ad esempio, i padroni dei cantieri della zona prestano le strutture necessarie per poter dipingere sui muri ad alta quota.
Il museo “a cielo aperto” sta diventando un reclamo e un invito per i residenti di altri distretti e anche per i turisti. È il segno distintivo di un quartiere che mira a mostrarsi alla città come icona locale dell’attuale arte urbana, anche se da una posizione umile in termini di numero di murales e di investimenti fatti in essi. Ma all’interno del quartiere puoi anche goderti la letteratura: frammenti di opere letterarie di autori aragonesi come José Antonio Labordeta, Ángel Petisme, Joaquín Carbonell o Javier Sierra sono stati catturati su lastre di Teruel. Collegati a questo, stanno riabilitando il centro della ceramica della città per renderlo qualcosa di caratteristico del quartiere.
Questo percorso di arte urbana e poesia è una scusa fantastica per avvicinarsi a Teruel, non credi?

L’autore Sara Bianchi

Sono una persona curiosa, a cui piace imparare e insegnare. Sono dinamica e appassionata, ciò mi spinge a cercare nuove sfide, che mi facciano superare i miei limiti e che mi portino a difendere le idee e le cause che mi stanno a cuore, come il settore no profit, la politica, le lingue, le culture e Teruel, la provincia in cui vivo adesso.

Condividi questo articolo